BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

domenica 19 marzo 2017

Politica e società oggi in Italia.


Che ci sia in atto una rivolta popolare contro la classe politica dirigente è un dato di fatto appurato. Che poi questa rivolta abbia prodotto dei risultati questo è opinabile. Anzi. La realtà indica esattamente il contrario. La rivolta in atto che ha alcuni partiti populisti in testa, ma non solo quelli, non è purtroppo una rivoluzione ma un fenomeno di esclusivo marchio di potere. Lo dimostra il fatto che l'esigenza che muove questi “movimenti-non partiti” non è una forma di democrazia politica più adeguata che si muove nell'alveo della tradizione democratica europea ma solo lotta di potere e basta.
Ciò è confermato dal fatto che questi movimenti non intendono allearsi in Parlamento con nessuna forza politica esistente neanche sui temi valoriali. Nascendo dalla rabbia, spesso giustificata e comprovata, mancano di una base politica di pensiero politico organico basato sulla costruzione di un progetto politico sistematico e consolidato.
In verità i protagonisti populisti non hanno a cuore una proposta politica di democrazia moderna e rinvigorita, alla base della quale agganciare la loro “diversità”. Al contrario, la loro organizzazione mostra un pericoloso vuoto concettuale di metodo e di maniere democratiche. In più, ed è quello che preoccupa maggiormente, hanno accettato un modello di organizzazione che appare sempre più convincentemente di “tipo padronale” in cui gli adepti pensano e agiscono più per rabbia distruttiva che per ideali costruttivi.
Ormai è manifesta l’idea che a loro non interessa il confronto politico basato su critiche argomentate e condivise in grado di produrre cambiamenti positivi. Lo abbiamo visto in azione nell’attuale legislatura. Loro non accettano che si sia consapevoli che il modello democratico consolidato prevede critiche ma anche autocritiche, pratiche politiche di contrasto non solo direzionali, ovvero dall’opposizione alla maggioranza, ma “bidirezionali” alcune volte cioè di collaborazione su progetti di alto profilo istituzionale e politico e altre volte di contrasto. Qui emerge al contrario solo una furia distruttiva incontenibile, confermata non solo da idee al tempo stesso ingenue e pseudo-rivoluzionarie ma proprie di movimenti settari intransigenti e intolleranti accecati da un solo interesse concretizzato nell’idea di dover spazzare via tutto ciò che attualmente esiste come classe dirigente. Interessa fare cioè "terra bruciata" intorno all'esistente per poi passare alla fase successiva del governare.
Ecco dunque il vero pericolo: distruggere in profondità il terreno sociale, economico e istituzionale da tutto ciò che esiste in modo tradizionale per ricostruirlo in un secondo tempo senza averne attualmente cognizione.
E qui casca l'asino. Perchè se è giustificabile una prima fase di distruzione non è giustificabile una seconda fase di governo “al buio”, non scelto con chiarezza e razionalità. Allo stato attuale delle cose il tipo di governo che i populisti hanno in mente è un tabù mai chiarito, regolato da meccanismi incorreggibili e inaffidabili, come per fare un esempio la selezione in rete del personale di governo inteso come operatori ed operatrici dipendenti totalmente dal padrone, si veda per questo il caso Raggi contrario al caso Pizzarotti. Diciamo che la natura di questo stato di subalternità del candidato nei confronti del “principe machiavellico” è peggio di quello instaurato da Berlusconi nei suoi governi, confermato dalla peculiarità giuridica del contratto legale con cui l'eletto deve firmare e metterlo in pratica. L'alternativa è l'espulsione e addirittura il pagamento di una risarcitoria. Se non sono queste “cos’e pazzi” manca poco per esserlo.
I populisti non rispondono alla domanda di quale modello di società vogliono privilegiare e accentuano questo loro deficit ignorandolo. Se costretti come lo dicono? In modo ingenuo e spesso infantile, pensando che "la risposta sulla costruzione di un nuovo modo di vivere insieme, di una nuova società, di nuove istituzioni, verrà dopo. Adesso dobbiamo distruggere e quando tutto l’esistente sarà travolto allora si vedrà". Il virgolettato è di Eugenio Scalfari che scrive in poche ed efficaci parole sulla Repubblica di oggi una verità terrificante: siamo nelle mani di irresponsabili pericolosi per noi, per la società e in definitiva per il futuro dei nostri figli. Ironia della sorte tutto questo castello di farneticazioni è stato possibile produrlo e imporlo attraverso la fattiva collaborazione (oggi diremmo "a loro insaputa") delle forze politiche dell'”arco costituzionale” che ci hanno finora governato. Prodi, Berlusconi, Renzi e il resto della classe politica presente in Parlamento tutti sono stati solidali a produrre questo fenomeno mediatico da circo, complice una crisi economica potentissima che ha agevolato una reazione di rabbia e di scontento fortissima. Tutti i vari governi post crisi hanno messo in atto politiche sbagliate basate sul solo valore dei tagli, peraltro in maniera sbagliata, creando cittadini impoveriti pieni di rabbia e rancore. In sintesi il M5S urla che solo loro sono l'onestà personificata mentre chi governa e sostiene l'attuale sistema è tutto il male possibile. Solo i gonzi possono cascarci su questa dichiarazione. Il tentativo poi di dire che sono tutti uguali agevola loro il lavoro e permette di aumentare il solco tra chi crede nella democrazia e chi la camuffa col sostegno “a loro insaputa” dei partiti tradizionali. Te capì?

martedì 7 marzo 2017

Elezioni politiche e sfrontatezze dei partiti del voto subito.


Le cose sono messe così: molti partiti e partitini chiedono elezioni subito. Il governo e la sua maggioranza dicono no. Giustificano il loro no affermando che la continuazione della legislatura permetterebbe di cambiare la legge elettorale e risolvere il problema dell’incertezza del risultato. Quali sono i partiti che aderiscono a una delle due posizioni è ininfluente. Quello che è importante è un altro aspetto, dove si annidano le meschinità e le sfrontatezze dei politici del voto subito.
Noi siamo dell’avviso che se ci fosse una legge elettorale che permettesse di eleggere sicuramente un premier con la sua maggioranza saremmo d’accordo. Ma le cose non stanno così ed è qui che cade l’asino. Fuor di metafora Grillo e Salvini, Meloni e l’arcipelago della sinistra massimalista vogliono le elezioni ora e subito. Francamente non si capisce quale sia il limite dell’onestà intellettuale da quello del ragionamento politico. Che interesse può avere un partito che a costo di elezioni subito si ritroverà ad avere un Parlamento senza maggioranza?
Chiedere le elezioni è lecito ma c’è un limite che riguarda il fatto che se con l’attuale legge elettorale disorganica e rappezzata dalle sentenze della Corte Costituzionale non viene fuori una maggioranza che facciamo poi? Roteiamo i pollici copiando gli spagnoli? Oppure più correttamente e onestamente non è meglio costringere i partiti a chiarire la loro posizione prima delle elezioni?
Chiarire questa faccenda è fondamentale perché a nostro parere potrà emergere in tutta la sua forza dirompente la disonestà intellettuale di alcuni leader politici che si nascondono dietro alla cantilena delle "elezioni subito".
Ci viene da aggiungere poi che la stampa italiana non informa correttamente i cittadini. Abbiamo una stampa inadeguata che si interessa solo dei guai giudiziari dei leader politici e non incalza gli stessi a dire la loro su questo punto importante. La domanda è sempre la stessa: qualora il risultato elettorale impedisse la formazione di un governo con una maggioranza sicura ogni partito, prima delle elezioni, dovrebbe dire obbligatoriamente a quale delle coalizioni aderirà per la formazione di una maggioranza di governo.
Un esempio: ammettiamo che dopo le elezioni nessuno dei partiti raggiunge la maggioranza. A questo punto dovrebbe scattare un preaccordo che impone l’obbligo ai partiti di sostenere una delle possibili coalizioni che supera il 51%. Chi non lo fa perde un giro perché non potrà presentarsi alla prossima tornata elettorale.
Più chiaramente Grillo deve dire che se non raggiunge il 51% da solo a quale coalizione aderirà dopo le elezioni per formare il nuovo governo. Lo stesso dicasi per tutti gli altri leader da Renzi a Berlusconi, e via discorrendo. Nessun giornalista finora ha mai fatto queste domande ai politici. Colpa della insufficienza dei giornalisti o della sfrontatezza dei leader politici? C’è una terza soluzione: colpa di entrambi. Te capì?

domenica 5 marzo 2017

Grammatica della lingua araba insegnata all’occidentale o alla maniera araba?


Il sottotitolo di questo post potrebbe benissimo essere il seguente: didattiche alternative dell’arabo possono coesistere o si escludono a vicenda in un curricolo di lingua araba? La risposta non è facile e non è per niente sicuro che esista. Lo dico subito senza avere alcun dubbio: le due modalità di approccio all'insegnamento della lingua araba sono spesso in disaccordo. Anzi, frequentemente non si intendono e varie volte si contrappongono come alternative escludentesi l’una con l’altra giudicandosi negativamente tra di loro. In queste brevi note cercherò sebbene in modo superficiale di affrontare la questione della modalità di insegnamento della grammatica vista da due occhi differenti che chiamerò “modalità occidentale” la prima e “modalità araba” la seconda.
È noto che i docenti che insegnano l’arabo nelle scuole italiane possono essere di madrelingua (spesso chiamati lettori ma adesso non più) o indigeni. Nel primo caso hanno una formazione di tipo arabo mentre nel secondo caso di tipo occidentale. In genere si tratta di specialisti, spesso ben preparati e credibili. Proprio per questo ci si aspetterebbe che essi nonostante tutto fossero sempre d’accordo nella loro didattica. In genere, su alcuni temi lo sono ma in altri divergono. È pertanto giusto parlarne perché su questa questione c’è troppa ipocrisia e indifferenza che nasconde i problemi invece di farli emergere, confrontarli per poi risolverli.
I due soggetti protagonisti dell’insegnamento hanno una formazione che si sviluppa secondo canoni molto differenti. E non è la sola geografia a dividerli. Un insegnante arabo può venire da uno del 22 paesi della Lega Araba che si sviluppa geograficamente dall’Oceano atlantico a quello persico e in senso più lato fino al Mar cinese mentre un insegnante occidentale può aver appreso l’arabo in uno dei paesi occidentali non solo dell’intera Europa ma anche dell’intero mondo. A proposito poi delle differenze di vedute tra arabi e occidentali c’è da dire che le diversità emergono in maniera vistosa perché quello che noi chiamiamo “Golfo persico” gli arabi lo chiamano “Golfo arabo”. Dunque le differenze ci sono ed è corretto aspettarsi visioni didattiche e culturali differenti.
Ma in cosa differiscono precisamente le due didattiche su alcuni temi? Certamente sul piano lessicale e semantico ci sono differenze conclamate, ma anche sul piano metodologico le differenze sono vistose. Voglio fare un semplice esempio per farne capire la portata ed uscire dal vago dei tecnicismi e della genericità: come si insegna il verbo arabo dalle due comunità di docenti?
Per primo è necessario dire subito che i docenti arabi non condividono la didattica occidentale e italiana in particolare laddove si usa la “traslitterazione”. In verità per un docente arabo essa è una sovrastruttura inutile e persino dannosa. Diciamo in tono scherzoso ma non tanto che alla diglossia normale (lingua classica e dialetto) si sovrappone una “triglossia” o “diglossia ingrossata” che è inefficace e inutile. Per la didattica occidentale invece dovrebbe essere il tentativo di rendere “più digeribile” la zuppa ortografica delle prime lezioni di arabo.
In secondo luogo i grammatici arabi partono dal verbo trilittero e lo suddividono in due tipologie: verbo sano e verbo malato. Dicono proprio così: “sano e malato” non forte e debole e neppure regolare e irregolare come preferiscono definirlo i grammatici occidentali. E non è solo questione di etichetta. Capite subito che c’è un problema di linguaggio che interferisce per la differenza di terminologia. Per esempio mi ha sempre colpito la l’uso dell’aggettivo “fratto” per i plurali irregolari che non sono “sani”. Al nostro orecchio una classificazione antitetica che si definisce sana o malata lascia una certa diffidenza nell’ascolto così come al contrario definire i verbi in regolari e irregolari per un docente arabo è una stranezza inverosimile. Lui con le sue certezze esasperate dovute all’influenza coranica della verità teologica sottesa nella lingua coranica non può capire come ci sia il rifiuto da parte della letteratura occidentale di fare la giusta partizione tra un sano e un malato che sono le due categorie certe della vita degli esseri umani.
Non parliamo poi del fatto che alcuni paradigmi grammaticali introducono termini completamente differenti. Gli arabi parlano di “porte” laddove si classificano verbi con vocalizzazioni lessicali differenti, mentre i docenti occidentali non considerano significativa questa ripartizione dell’uso delle “porte” (ابواب ) come sezioni del modello فعل. Non parliamo poi di soggetti che interagiscono nelle varie categorie della coniugazione quando i docenti occidentali parlano di “prima, seconda e terza persona” mentre i docenti arabi chiamano gli stessi con “il locutore, l’interlocutore e l’assente”.
Gli arabi poi invece di dire di un verbo trilittero regolare o sano che le tre radicali della radice sono la prima radicale, la seconda e la terza radicale dicono che le le tre lettere sono la ف del verbo, la ع e la ل del verbo. Il massimo poi è che i docenti occidentali classificano i verbi trilitteri in verbi di I forma e verbi di forme superiori alla prima che vanno dalla II alla X forma. Per gli arabi queste forme verbali che sono formate dall’aggiunta di lettere servili alle tre radicali del verbo trilittero sano non esistono. Ma non è finita. I docenti italiani considerano i verbi irregolari in sordi, hamzati e deboli. I docenti arabi invece considerano i verbi sordi e hamzati verbi regolarissimi tanto da essere considerati appartenere ai verbi sani. Viceversa, i verbi deboli sono per entrambi malati e/o irregolari. Si scontrano pertanto due mondi che vedono lo stesso fenomeno grammaticale della irregolarità verbale in modo differente, almeno dal punto di vista del proprio sguardo linguistico legato sempre alla tradizione della ricerca linguistica.
La ragione di una simile differenza di visione è spiegabile dicendo che per i grammatici italiani il verbo - se subisce delle flessioni verbali, cioè delle trasformazioni fonetiche e ortografiche oppure cambiamenti vocalici - può o meno essere considerato irregolare-malato invece di regolare-sano. Per i grammatici arabi invece le irregolarità non sono viste con la stessa lente ma in modo differente e molto più semplice perché per loro le lettere deboli che sono solo la و e la ي o sono sani o sono malati. Punto.
L’origine di questa “querelle” sta nel fatto che la hamza è una lettera alfabetica a tutti gli effetti mentre la alif è solo un sostegno della hamza e basta. Una delle conseguenze di questo fatto è l’incertezza del numero delle lettere dell’alfabeto che per alcuni è 28 lettere mentre per altri è 29. Non c’è nulla da scherzare su questo fatto perché tutto ciò si va a sommare alle tremende difficoltà che esistono per imparare la lingua araba, una lingua interessante e per molti aspetti coinvolgenti. Si può definirla anche bella ma il concetto di bellezza è di difficile interpretazione in questo caso soprattutto da parte di coloro che non posseggono gli strumenti culturali per apprezzarne bellezza e fascino. Per alcuni aspetti ci ricorda la bellezza della scienza quando essa si manifesta in tutto il suo splendore se proposta correttamente con l’uso obbligatorio della lingua matematica, difficile da comprendere ma proprio per questo perfetta nella sua compiutezza.

martedì 21 febbraio 2017

Un paese inguaribile tra ingovernabilità, disordine e una magistratura ormai alla deriva.


Torino: processo per lo stupro a una bambina dura 20 anni e la prescrizione salva lo stupratore. Roma: fondi pubblici ministeriali ai locali del sesso gay tra le cui attività ci sarebbe anche quella di ospitare la prostituzione.
Ecco due delle peggiori notizie che non avremmo mai voluto leggere sui quotidiani. E invece oggi è successo. Poche parole di amare riflessioni sull’evento più che luttuoso in cui il deceduto, anzi la deceduta è la Repubblica Italiana che ha permesso il realizzarsi di una ingiustizia che più di così non potrebbe essere.
La riflessione che ci sentiamo di fare dopo aver letto le due notizie è che a questo punto non è più possibile salvare nulla. Sarà nichilismo, sarà pessimismo fatto sta che i fatti parlano da soli. Quando il potere politico e quello legislativo non sono in grado di correggere queste storpiature non ha più senso niente e nessuna giustificazione formale può cambiare il senso della storia di un paese ormai fallito non solo economicamente (si veda il buco nero del debito pubblico di 2300 miliardi di euro) ma soprattutto dal punto di vista dell’etica.
Attenzione qui non è questione di alcuni partiti che non sono all’altezza. No. Qui il problema riguarda tutti, istituzioni e cittadini, perché il fallimento di ideali e valori che la Repubblica aveva messo a fondamento nella Costituzione, proprio quella definita la più bella Costituzione del mondo è ormai una certezza.
Qui le polemiche progressismo della sinistra, populismo sovranista di forze politiche nuove e conservatorismo centrista da sempre al potere riguarda tutti, proprio tutti, nessuno escluso. A noi le polemiche tra l’inconsistenza renziana e la sfrontatezza della minoranza Pd, tra l’aetismo berlusconiano e il populismo leghista, tra il massimalismo comunista di accatto e il sovranismo meloniano lepenista non ci fanno cadere nella trappola urlata da maggioranza e opposizione che alcune forze politiche sono diverse dalle altre. In realtà tutte sono uguali ntra di loro e tutte perseguono disegni politici di potere per accontentare clan familiari e tribali.
Se avessero voluto modificare i codici penali e il funzionamento della giustizia per evitare casi come quelli di Torino lo avrebbero già fatto. Ma così non è stato. Dunque, i governi che si sono succeduti nei decenni e le maggioranze variegate sono state e sono complici di questo status quo. L’italianità è ormai sinonimo di peste. In Europa tutti i paesi fanno a gara per evitarci. Persino l’UE non ne può più della mancanza di correttezza dell’Italia che sfora parametri e impegni a ripetizione. Il popolo italiano non è mai esistito. Adesso non esiste più neanche lo Stato italiano. La prossima tappa sarà il ritorno al brigantaggio. Lì siamo ancora maestri di “cappa e di spada”. Che vergogna.

giovedì 16 febbraio 2017

Stracci straccetti e brandelli che volano in casa Pd.


La politica italiana è sempre più inaffidabile. Tutti i partiti hanno scheletri enormi nei loro armadi e tutti loro soffrono della stessa sindrome: la sindrome della ricerca ossessiva del potere. Apparentemente le polemiche che quotidianamente appaiono sembrano giuste e piene di significato. Ma viste da un’ottica europea o terza questi partiti o movimenti stanno sconquassando un’intero paese con lotte intestine al limite della democrazia.
Oggi lasciamo da parte tutti meno il Pd e ci interessiamo a questo partito perché vogliamo dire quattro paroline ai “signori democratici” che da anni polemizzano fra di loro trascinando in modo deplorevole non solo l’Italia ma anche la qualità della loro politica.
I fatti. C’è un segretario ex premier che ha fallito miseramente nella sua politica delle riforme. Aveva promesso mari e monti. Alla fine sono rimasti solo cunette e dossi. Un vero fiasco colossale non solo di politica nazionale, interna, ma soprattutto a livello di credibilità internazionale ormai ridotta al lumicino. Tuttavia questo segretario è ancora legittimamente il segretario del Pd. Vuole subito le elezioni per tentare di nuovo la scalata alla poltrona di Presidente del Consiglio. E’ legittimato a farlo? Noi, anche se siamo dell’idea che ha portato danni irrimediabili al paese, crediamo di si.
Renzi mette in calendario il congresso del Pd, che è l’assise più importante di un partito tradizionale. E i suoi avversari interni che fanno? Gridano allo scandalo! E’ normale tutto questo? No. Non è normale. Si vuole trasformare il momento più alto della democrazia interna di un partito in un insofferente atteggiamento di sfida da OK corral come nei film western.
Dicono che quello del segretario del Pd è un mero calcolo di potere. E’ molto probabile che sia così, e allora? Non si può gridare al lupo al lupo quando si offre democrazia. Per anni tutti hanno gridato allo scandalo del governo Renzi abusivo perchè non eletto. Adesso che si propone democrazia tutti a gridare allo scandalo. Ma che modo è questo di ragionare?
Noi crediamo che la richiesta della minoranza del Pd non è democrazia, è anarchia. Gruppi di deputati che si scontrano e altri che si contrappongono. Una gazzarra continua dalla mattina alla sera. Tutti i deputati coinvolti in risse, polemiche e atteggiamenti da polli e galli di un pollaio tra di loro. Questa non è democrazia, cari Signori. Questa è anarchia. Questo è tentativo di togliere agli Statuti dei partiti l’idea di democrazia. Dietro agli slogan di definire una politica di programma nuova e di maggiore collegialità si nascondono le lotte intestine e di potere di capicorrente e capibastone, di capi e capetti. No. Questa non è democrazia: è anarchia bella e buona cari Bersani, D’Alema & C. Siate seri.
Non possiamo, prima di concludere, non porci una domanda : ma perché queste polemiche sulle date di un congresso non si verificano all'estero? Perché in Europa tutti i partiti di tutte le nazioni non fanno mai questi discorsi? La classe politica del Pd, e ancora peggio quella degli altri partiti rimanenti, vi sembra affidabile con questi discorsi? Vi sembra seria? Vi sembra corretta? Vi sembra che entrambi stiano facendo gli interessi degli italiani? A noi come minimo ci sembra inadeguata, perché il vero problema italiano è l'irresponsabilità della sua classe politica. Te capì?

mercoledì 8 febbraio 2017

I veri responsabili del disastro politico.


Caro Gentilrenzi o, se preferisci, caro Renzi-Gentiloni,
abbiamo deciso di scriverti una lettera aperta per ringraziarti di avere finalmente scoperto le carte ed esserti fatto riconoscere per quel che sei. Scusaci se ti scriviamo indicandoti con un trattino ma sei stato tu ad affermare che sei un premier che esprime la dualità, in quanto come Presidente del Consiglio sei in continuità con chi ti ha preceduto in una forma di Giano bifronte che mostra di essere un bravo e navigato politico che non vuole apparire se non come il proseguitore di Renzi. In breve, hai una identità duale del tipo "mi chiamo Gentiloni ma in realtà sono Renzi".
Ebbene ti scriviamo perchè dal rebus iniziale che fosti, dopo la nomina a premier, hai finalmente gettato la maschera scoprendoti per quel che sei : un premier che gioca a perdere. Per alcuni aspetti ci ricordi il famoso gioco a scopa che si fa con le carte siciliane, chiamato in Emilia "strappetto con dubito", in cui i giocatori giocano una normale partita a scopa ma con la carta nascosta. Se il tuo avversario ci crede fa anche lui, se lo vuole, l'imbroglio di apparire corretto come te. Se non ci crede ti invita a scoprire le carte e se hai imbrogliato ti penalizza con un bonus contro di te e a suo favore.
Nel “milleproroghe” che hai licenziato in Consiglio dei ministri sei riuscito nel tuo “capolavoro” di perdere la fiducia di molti italiani che ancora credevano in te, abbandonando te e il tuo Pd definitivamente per almeno milleragioni come le proroghe. Quali? Due dei “mille provvedimenti” ci hanno particolarmente colpito: la spesa di 90 milioni di euro per la Ryder Cup e la decisione di nascondere i nomi dei responsabili dei debiti delle banche fallite nel risiko del “mangia mangia” all'italiana, in cui si premiano gli imbroglioni e si puniscono i cittadini onesti i quali sono obbligati a pagare i debiti contratti dagli imbroglioni ricchi. Complimenti. Hai fatto un vero e proprio capolavoro. Dobbiamo dire che come giocatore hai vinto una battaglia ma hai perso la guerra. Qui hai vinto una mano a “strappetto con dubito” ma hai perduto definitivamente la partita dell’onestà politica delle prossime elezioni politiche del tuo Pd concedendo ai tuoi avversari la possibilità di incassare la vincita alla prossima tornata elettorale.
Caro Gentiloni-Renzi vi credevamo meno tonti. Dobbiamo ammettere che avete fatto un capolavoro di masochismo all’ingrosso con provvedimenti “a perdere” che consegneranno il paese al populista Grillo. Certe volte la stupidità umana si vede dagli errori commessi e non dalle verità sperate. Regalare ai disonesti il lasciapassare dell'anonimato è una patente non solo di stupidità politica ma una chiara ammissione di responsabilità che a creare il debito pubblico italiano c'è stata intenzionalità politica e supporto da politici come voi, veri e propri inadeguati della prima ora. Mentre gli incompetenti grillini operano in politica da sprovveduti onesti voi piddini operate da competenti disonesti, ovvero correi politici degli iniqui.
Complimenti di nuovo per avere perduto definitivamente la nostra fiducia. Correi e veri responsabili del disastro politico e finanziario dello Stato italiano. Te capì?

martedì 31 gennaio 2017

Mascalzoni in action.


Mascalzoni in action. Le cose stanno così: l’UE ha capito che l’Italia ha barato nei conti pubblici facendo la “furbetta del quartierino” e la richiama alle sue responsabilità di aggiustare i conti pubblici. Se non lo fa, come prevedono i Trattati, sarà costretta ad applicare le regole che prevedono sanzioni pesanti.
Una nazione seria da tempo lo avrebbe fatto nell’interesse nazionale. Riunione immediata del Parlamento, discussione, confronto di idee e risoluzione finale comune nell’interesse degli italiani. I vertici UE e i mercati gradirebbero e tutto potrebbe continuare facendo finta di niente.
Invece cosa si ha in mente di fare da parte di tutti? La maggioranza teme che l’opposizione ne approfitti, voti contro e la metta in difficoltà punendola di fronte all’opinione pubblica. L’opposizione teme che il governo vada subito alle elezioni anticipate annullando questo sforzo.
In entrambi i casi maggioranza e opposizione rovinerebbero il paese perché con l’attuale “rimasuglio” di legge elettorale all’indomani del voto non si potrebbe formare alcun governo con conseguenze funeste non tanto per la classe politica quanto per i cittadini tutti. Risultato: un suicidio universale dell’intera classe politica inadeguata.
Politicamente parlando questo “scherzo da prete” nei confronti della vera vittima, che sarebbero gli italiani, come si dovrebbe chiamare? Si dovrebbe chiamare “mascalzoni in azione” perché produrrebbe macerie politiche e povertà per i più deboli. Ecco chi sono i Renzi, i Grillo, i Salvini, i Berlusconi, le Meloni e tutte le altre forze, forzette e forzine che stanno in Parlamento. Questo non è un inno al qualunquismo ma l’urlo di tanti cittadini che non ne possono più di una intera classe politica irresponsabile. Te capì?

Support independent publishing: buy this book on Lulu.